logo
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Ray Physics

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Experiments

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Education

Liceo "Marie Curie" Tradate

cosmic ray shower

Atmospheric Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Climate Change Science

Lys Glacier

cosmic ray shower

Detector technology

Courtesy: M. Illiano ADA Pozzuoli NA

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Lycée "Ermesinde" - Mersch Lussemburgo

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Istituto di Istruzione Superiore IIS CARIATI CS

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays underground

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: ABACHOS

IN PRIMO PIANO

News ed esperimenti in corso, 21/07/2019

20.07.2019 Luna 50 anni dopo

Gli equipaggi Apollo furono estremamente fortunati.

Sono passati 50 anni dallo sbarco dell'uomo sulla Luna - un'impresa epica - eppure esiste ancora da parte di una certa schiera di persone, la triste convinzione che le missioni Apollo siano state una sorta di truffa costruita ad hoc dagli Stati Uniti, nel pieno periodo della guerra fredda tra USA e URSS. Tra le varie dicerie dei sostenitori del "complotto" viene detto che gli astronauti non avrebbero potuto attraversare la magnetosfera della Terra dove sono presenti alte concentrazioni di particelle radioattive, in una zona ben definita scoperta dal fisico Van Allen...


Fulmini e raggi cosmici

Cosa sono i fulmini lo sanno più o meno tutti, sono scariche elettriche che si propagano in atmosfera tra nuvola e nuvola, oppure tra nuvola e terra. Quello che forse non tutti conoscono è il grosso problema della formazione dei fulmini, cioè che il potenziale elettrico nelle nubi non sarebbe sufficiente per innescare l'arco elettrico, ecco quindi che il ruolo dei raggi cosmici sarebbe determinante per innescare la scintilla principale...


07.07.2019 Muoni in mostra

Nel periodo estivo si susseguono spesso eventi e sagre di paese, a cui si può partecipare per portare la scienza tra la gente comune. Di seguito si vogliono condividere alcuni pensieri maturati da esperienze passate, durante la partecipazione a manifestazioni di vario tipo, col tentativo di valutare il rapporto sforzo/risultato, in particolare di fronte a un pubblico generico. Questo può essere anche un aiuto nel caso di allestimento di stand scientifici per cercare di prevedere cosa può funzionare e cosa si può evitare...



ABACHOS cattura raggi cosmici e non solo

Si è concluso con grande successo il lancio del pallone-aliante ABACHOS partito da Benevento il 29 maggio scorso. Ad assistere all'impresa hanno presenziato un gruppo di studenti e docenti dell’Istituto “Rampone Polo” di Benevento accompagnati dalla loro dirigente scolastica Maria Marino, oltre a una rappresentanza della Sezione di Caserta dell’Associazione Arma Aeronautica...


Aura e raggi cosmici

Un aura è un disturbo visivo di carattere neurologico che di solito si presenta sotto forma di "scotoma scintillante", si può definire come una tempesta elettrica cerebrale prodotta dai segnali bioelettrici delle cellule nervose, meglio note come neuroni. Se anche l'aura fosse innescata dai raggi cosmici? Alcune ricerche suggeriscono una relazione tra diverse malattie e l'intensità dei raggi cosmici, l'attività del Sole, o del campo magnetico della Terra che sono comunque tre elementi interconnessi. Per questa nuova ricerca abbiamo sviluppato una app che in pratica è un diario su cui segnare i fenomeni di aura visti durante un anno. Stiamo perciò cercando persone sane - che sperimentano l'aura visiva - disposte ad annotare il luogo e il momento esatto in cui compare l'aura...



AstroRad 5 e il nuovo handbook

Qualche mese fa è stata distribuita la nuova versione del software AstroRad che serve per registrare i dati dai rivelatori di raggi cosmici AMD5. Mancava però la stesura del nuovo manuale di utilizzo che ora è stata completata ed è disponibile nella consueta pagina dedicata al software...



To the top

C'era una volta

Una pagina estratta automaticamente dai nostri archivi, ID num: 15

Il rivelatore AMD5 all'Osservatorio Astronomico di Tradate.

Progetto ADA per raggi cosmici

Il centro scientifico astronomico-ambientale di Tradate (VA)ha allestito una sezione didattica sulle astroparticelle curata da Marco Arcani. La sezione è abbinata al già esistente laboratorio eliofisico e comprende un pannello luminoso didattico, un rivelatore di raggi cosmici luminoso a tubi neon e un rivelatore a tubi Geiger del modello AMD5... vai alla pagina...

 

To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


News dal Mondo


18.07.2019 Scansioni con particelle di raggi cosmici svelano i dettagli di una misteriosa volta sotterranea in Russia

Nascosta sotto la fortezza di Naryn-Kala a Derbent, in Russia, vi è una misteriosa volta sotterranea - una struttura sepolta il cui scopo originale è rimasto sconosciuto per decenni. Ora, grazie all'uso della tecnologia di scansione a muoni (mu-ray), si potrà finalmente sapere qual è la natura dell'edificio. Fino ad ora, gli archeologi erano stati divisi sulla questione se questo fosse il sito di una chiesa, un antico serbatoio d'acqua, o forse un tempio del fuoco zoroastriano.  Grazie alle nuove misurazioni, ora sembra che la prima ipotesi sia la più probabile...


Fonte: Science Alert


9.07.2019 Nuove prove sul ruolo dei raggi cosmici nell'impatto sul clima

I raggi cosmici agevolano la formazione delle nuvole, un effetto previsto e studiato da Wilson agli inizi del 1900 e provato sperimentalmente da Svensmark in Danimarca pochi anni fa.
Finora si pensava che gli effetti fossero minimi, tanto che molti studiosi per qualche motivo hanno tentato di smontare il lavoro del team danese. Ora nuove ricerche hanno studiato il comportamento del clima durante l'ultima fase di inversione del campo magnetico terrestre avvenuta 780.000 anni fa.
L'inversione del campo magnetico causa una diminuzione della sua stessa intensità e questo permette ai raggi cosmici di raggiungere più facilmente l'atmosfera con un drammatico aumento del 50%. Per circa 5.000 anni durante il periodo di inversione è stato notato che i monsoni invernali sono aumentati di intensità e la temperatura annua è diminuita di 2-3 gradi... Questo fenomeno dei raggi cosmici che fanno aumentare la copertura nuvolosa è stato soprannominato “effetto ombrello”. L'IPCC (il gruppo che si occupa ufficialmente dei cambiamenti climatici) non ha mai preso seriamente in considerazione gli effetti dei raggi cosmici sul clima, semplicemente perchè non sono stati ancora ben compresi...

Fonte: Scientific reports e varie



☀ Sole e space weather


Advice

  • Per fornire una migliore accessibilità dei contenuti il sito astroparticelle.it è in fase di rinnovamento e cambio veste grafica...

  • Libro sui raggi cosmici

    Il libro AstroParticelle

  • ADA logo

    Il progetto sperimentale ADA sui raggi cosmici.

  • Rivelatore AMD5


Muons Monitor in real time




Inspiration

Science woke


Tags

Cosmic Rays Raggi Cosmici Astroparticelle Progetto ADA Rivelatore AMD5 Rivelatori Radiazione Ionizzante Radiazione Cosmica Fisica Radioattività Astrofisica Energia Particelle Protoni Nuclei Muoni


Area riservata

Accedi | Registrati

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

Inserire la velocità approssimativa della luce nel vuoto in metri al secondo

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert