logo
home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Ray Physics

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Experiments

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Education

Liceo "Marie Curie" Tradate

cosmic ray shower

Atmospheric Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Climate Change Science

Lys Glacier

cosmic ray shower

Detector technology

Courtesy: M. Illiano ADA Pozzuoli NA

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Lycée "Ermesinde" - Mersch Lussemburgo

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Istituto di Istruzione Superiore IIS CARIATI CS

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays underground

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: ABACHOS

IN PRIMO PIANO

News ed esperimenti in corso, 20/11/2019

Saluti da sottoterra

Riprendono gli esperimenti di tomografia a muoni...

https://americangeophysicalunion.tumblr.com/post/189148811783/greetings-from-underground-we-are-members-of-a

ALTHAIR

Il 27 Novembre 2019, presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Biologiche e Farmaceutiche dell' Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Caserta, si terrà il convegno:
ChAracterization of GaLdieria sulphuraria resisTance under atmospHeric rAdIation exposuRe

Con il contributo di Astroparticelle.it

 Aula A, Via Vivaldi –  alle ore 15.30


International cosmic day 2019

Anche quest'anno DESY rinnova l'appuntamento con la giornata cosmica internazionale; col motto "diventa scienziato per un giorno", ogni anno vengono coinvolti gli alunni delle scuole superiori di tutto il Mondo. Lo scopo dell'evento è quello di fare scoprire il mondo dei raggi cosmici tramite misure reali e analisi dati effettuate dagli studenti, e quindi far confrontare i loro risultati con quelli dei "colleghi" a livello internazionale...


Una mucca piovuta dal cielo

La sezione "appunti" del sito contiene brevi note di varia natura sui raggi cosmici, questa volta un veloce conteggio un po' scherzoso ci mostra quanta materia finora è piovuta dal cielo sotto forma di particelle cosmiche...


Centro di ricerca alla Jungfraujoch

Jungfraujoch è il nome di una specie di gola che separa i monti Jungfrau ed Eiger, qui su volontà dell'industriale svizzero Adolf Guyer Zeller è nata la stazione ferroviaria più alta d'Europa soprannominata anche "Top of Europe". Cento metri sopra alla stazione è stato costruito l'osservatorio astronomico Sphinx che ora è diventato un centro di ricerca per lo studio sull'inquinamento dell'aria (polveri sottili), gas serra e aerosol... ma noi conosciamo bene questo osservatorio poiché spesso utilizziamo i dati "JUNG" dei neutron monitor...


To the top

C'era una volta

Una pagina estratta automaticamente dai nostri archivi, ID num: 74

Misure in stratosfera

04.07.2018 Ieri mattina nel deserto del Nevada in USA è stato lanciato un pallone stratosferico sponsorizzato da Astroparticelle.it per un esperimento sui raggi cosmici a supporto della rete di rivelatori del progetto ADA (Astroparticle Detector Array).

Il pallone è stato spedito in stratosfera insieme a un team di studenti denominato "Earth to Sky Calculus" che dal 2015 monitora la radiazione ionizzante in atmosfera. Lo scopo dell'esperimento è triplice: sostenere la ricerca scientifica condotta da piccole realtà educative indipendenti; promuovere il progetto ADA sui raggi cosmici; riuscire a registrare tracce di particelle cosmiche tramite il CR-39...

 

To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


News dal Mondo


7.11.2019 Anche Voyager 2 esce dal sistema solare

Le sonde Voyager 1 e 2 furono lanciate nel 1970 per esplorare i pianeti esterni, per poi proseguire la loro corsa nello spazio interstellare. La prima ha raggiunto i confini tra lo spazio interstellare e il nostro sistema planetario nel 2012 fornendo preziose informazioni sulla radiazione cosmica nella fase di transizione. Voyager 2 ora ha mostrato gli stessi dati nella zona di confine, in cui si evidenzia che il calo di particelle solari e l'aumento di raggi cosmici galattici avviene in solo un giorno. Però c'è un problema, mentre Voyager 1 è uscita dal sistema solare in un periodo di alta attività solare, la sua sorella ha varcato il confine durante il periodo di bassa attività solare. I modelli dell'atmosfera solare ci hanno sempre mostrato che quando il Sole è molto attivo, l'atmosfera solare si espande maggiormente, quindi ci si aspettava una distanza minore per l'uscita di Voyager 2 dall'ambiente solare, invece i dati indicano che hanno percorso quasi la stessa distanza, questo significa che gli attuali modelli dell'eliosfera saranno da rivedere...

Fonte: EOS


I raggi cosmici hanno contribuito ad annerire le dune di Titano 20.10.2019

Titano è un corpo celeste unico poichè possiede un'atmosfera e dei mari liquidi sulla sua superficie. Queste caratteristiche lo rendono molto simile a come doveva essere la Terra in epoche remote. Sulla zona equatoriale di Titano ci sono anche delle particolari formazioni collinari particolarmente scure, la composizione chimica vista dalle sonde indica la presenza di benzene e altri composti aromatici. Alcuni ricercatori hanno indagato e sperimentato che i raggi cosmici che colpiscono l'acetilene ghiacciato - presente in grande quantità sulla luna di Saturno-  nel corso degli anni può portare alla formazione di tali composti carboniosi...

La ricerca su Science Advances


Giove protegge Europa dai raggi cosmici 18.10.2019

Giove ha un potente campo magnetico che rende la sua plasmasfera un ambiente molto radiativo, numerose sono le interazioni coi suoi satelliti interni Io ed Europa. Il livello di particelle ionizzanti irradiate dal gigante gassoso verso i suoi satelliti rende difficile immaginare che si possano sviluppare forme di vita, o scoprire se mai ci siano state. Malgrado questo i ricercatori pensano che un paio di centimetri del suolo ghiacciato di Europa siano sufficienti come protezione da tali radiazioni. Tuttavia c'è anche il problema dei raggi cosmici galattici, avendo un'atmosfera molto tenue, i raggi cosmici potrebbero essere una minaccia ulteriore per le eventuali forme di vita; per vederci meglio, gli scienziati hanno quindi utilizzato dei modelli computerizzati scoprendo che in realtà il campo magnetico di Giove funziona come efficiente schermo verso i raggi cosmici galattici...

Fonte: Astronomy


☀ Sole e space weather


Advice

  • Per fornire una migliore accessibilità dei contenuti il sito astroparticelle.it è in fase di rinnovamento e cambio veste grafica...

  • Libro sui raggi cosmici

    Il libro AstroParticelle

  • ADA logo

    Il progetto sperimentale ADA sui raggi cosmici.

  • Rivelatore AMD5


Muons Monitor in real time




Inspiration

Science woke


Tags

Cosmic Rays Raggi Cosmici Astroparticelle Progetto ADA Rivelatore AMD5 Rivelatori Radiazione Ionizzante Radiazione Cosmica Fisica Radioattività Astrofisica Energia Particelle Protoni Nuclei Muoni


Area riservata

Accedi | Registrati

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

Inserire la velocità approssimativa della luce nel vuoto in metri al secondo

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert