logo
home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Ray Physics

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Experiments

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Education

Liceo "Marie Curie" Tradate

cosmic ray shower

Atmospheric Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Climate Change Science

Lys Glacier

cosmic ray shower

Detector technology

Courtesy: M. Illiano ADA Pozzuoli NA

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Lycée "Ermesinde" - Mersch Lussemburgo

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: Istituto di Istruzione Superiore IIS CARIATI CS

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays underground

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

cosmic ray shower

Cosmic Rays Science

Courtesy: ABACHOS

IN PRIMO PIANO

News ed esperimenti in corso, 26/11/2020

Noi Magazine....Gazzetta del Sud 19-11-20

Pubblicato da Mimmo Liguori su Venerdì 20 novembre 2020

CoViDe e l'International Cosmic Day 01.11.2020
A Cosmic ray Virtual Detector code

La giornata cosmica internazionale organizzata da DESY ogni anno dal 2012 è un ottimo veicolo per diffondere la fisica dei raggi cosmici tra gli studenti di tutto il mondo ed è una motivazione per insegnanti e personale educativo a "fare qualcosa". Per tali motivi è stato prodotto CoViDe (Cosmic ray Virtual Detectors), un semplice codice che permette di fare esperimenti coi rivelatori di raggi cosmici in modo virtuale...

cosmic rays code detector simulator starting page


Influenza dell’attività solare e dei raggi cosmici su alcuni parametri del clima 24.10.2020
 di Domenico Liguori

Sulla rivista Astronomia dell' Unione Astrofili Italiani, un articolo del prof. Domenico Liguori, membro fondatore del progetto ADA e docente di fisica e matematica presso il Liceo scientifico di Cariati (CS). L'attività scientifica del suo laboratorio di fisica che integra ADA, in sei anni ha messo in risalto il rapporto tra attività solare, raggi cosmici e i parametri meteo, con una importante evidenza di una relazione tra l'andamento della temperatura del mare e il flusso dei raggi cosmici...


International Cosmic Day 2020 10.10.2020

In questo prolungato periodo di pandemia, anche per le comunità scientifiche diventa complicata qualsiasi iniziativa, mostra o manifestazione pubblica. DESY quest'anno rinnova l'appuntamento con la giornata cosmica internazionale, tuttavia a differenza degli scorsi anni e viste le difficoltà che le scuole si trovano giornalmente ad affrontare, l'evento viene proposto in maniera più semplice. Lo scopo della manifestazione rimane quello di fare scoprire il mondo dei raggi cosmici...


Astroparticelle con gli occhiali
di Marco Illiano e Marco Arcani 

Su Coelum di settembre 2020 un articolo dedicato ai nostri voli coi palloni stratosferici realizzati nel corso del 2018, come ricorderete il primo era stato lanciato dal Nevada in collaborazione con Spaceweather.com e il secondo era stato lanciato da Cusano Mutri (BN) in collaborazione con l'Associazione Matese Escursioni. I risultati di entrambi gli esperimenti sono stati strabilianti sia dal punto di vista tecnico-scientifico che da quello didattico, pertanto era inevitabile condividere le esperienze con una pubblicazione ufficiale.  
Coelum Astronomia è ora l'unica rivista scientifica gratuita per gli appassionati del cielo e si può consultare e scaricare liberamente dal sito ufficiale.




To the top

C'era una volta

Una pagina estratta automaticamente dai nostri archivi, ID num: 40

In funzione un altro rivelatore AMD5 a Venezia.

rivelatore amd5

un altro rivelatore di raggi cosmici si è collegato al progetto ADA.
L'iniziativa è stata guidata dal prof. Antonio Tegon che con Giancarlo Conselvan e Danilo Zardin rappresentano due importanti gruppi di astrofili: il gruppo di Venezia-Marghera e quello di Santa Maria di Sala ...vai alla pagina...

 

To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


News dal Mondo


Prima misurazione della radiazione cosmica sulla superficie lunare (25.09.2020)

Si parla di un ritorno all'eplorazione umana sulla Luna, ma questa è sempre associata al rischio per gli astronauti di assorbire radiazione ionizzante, i quali sarebbero esposti ai pericolosi raggi cosmici e alle particelle solari. Gli strumenti del Lunar Lander cinese Chang’E 4 hanno effettuato per la prima volta una misurazione contemporanea per due tipi di radiazione: particelle neutre (neutroni) e particelle cariche (ionizzanti). I risultati indicano una dose assorbita pari a circa 13 μGy/h (nel silicio) e una dose assorbita di 3 μGy/h per la radiazione neutra (per confronto coi raggi X, siamo nell'ordine di una radiografia dentale panoramica ogni ora - n.d.r.).  I dati sono in accordo coi precedenti risultati di CRaTER, uno strumento a bordo del Lunar Reconnaissance Orbiter che orbita intorno alla Luna.

Fonte: ScienceAdvances


L'Osservatorio di raggi cosmici Pierre Auger affina lo spettro sui raggi cosmici UHECR (24.09.2020)

In due articoli appena usciti su riviste scientifiche internazionali (Physical Review Letters e Physical Review D) sono stati pubblicati i risultati dei dati raccolti e che danno una spiegazione della forte attenuazione del flusso di queste particelle a un energia intorno a 50 EeV (Ultrahigh-Energy Cosmic Rays). Tale fenomeno sarebbe originato dagli effetti combinati della massima energia raggiungibile nei siti di accelerazione e delle interazioni con la radiazione cosmica di fondo. Tra la collaborazione Auger ci sono anche numerosi scienziati italiani.

PDF APS

Fonte: GSSI


Aurora in raggi UV osservata sulla cometa 67P (21.09.2020)

Analizzando i dati della sonda Rosetta, gli scienziati hanno constatato la formazione di un aurora in radiazione ultravioletta sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Un aurora si forma quando gli elettroni del plasma solare sono iniettati a grande velocità nelle atmosfere dei pianeti. Gli elettroni eccitano le molecole che perciò si illuminano. Questo significa che nonostante l'assenza di un campo magnetico la cometa deve avere un campo elettrico che accelera gli elettroni e la debole atmosfera (chioma) permette la formazione dell'aurora, la prima in assoluto osservata intorno a una cometa.

Fonte: ESA


☀ Sole e space weather


Advice

  • 2010 - 2020 Astroparticelle.it compie 10 anni!...

  • Libro sui raggi cosmici

    Il libro AstroParticelle

  • ADA logo

    Il progetto sperimentale ADA sui raggi cosmici.

  • Rivelatore AMD5


Muons Monitor in real time



Inspiration

Science woke


Tags

Cosmic Rays Raggi Cosmici Astroparticelle Progetto ADA Rivelatore AMD5 Rivelatori Radiazione Ionizzante Radiazione Cosmica Fisica Radioattività Astrofisica Energia Particelle Protoni Nuclei Muoni


Area riservata

Accedi | Registrati

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

Inserire la velocità approssimativa della luce nel vuoto in metri al secondo

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

DESY

EOS

supernova alert